Il Fatto Quotidiano del 24 Agosto 2014

Rss
Il Fatto Quotidiano

PDF
« Precedente
Seguente »
Quanto mi piace?
  • Currently 5,0/5 Hearts.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

La prima pagina del giorno di Il Fatto Quotidiano nel tuo blog:

8 commenti

Utente magacirce magacirce oltre 4 anni fa

Assente Onior, Travaglio s’attacca. Nessuno che gli batta le mani!

-6
+ -
#
Utente Coco Coco oltre 4 anni fa

grande Travaglio….

+7
+ -
#
Utente magacirce magacirce oltre 4 anni fa

Gramde!! Ti riferisci al Porcellum e al Merdinellum?

-3
+ -
#
Utente magacirce magacirce oltre 4 anni fa

Coco, una tazzina di caffe’?

Il caffè più costoso al mondo? E’ cacca di elefante, in buona sostanza. Già, perché dietro una tazzina del Black Ivory Coffee – che può arrivare anche a costare 50 dollari – ci sono, appunto, gli elefanti thailandesi, che ne masticano i chicchi per poi espellerli come escrementi. E, secondo quanto si dice, sarebbero una vera e propria prelibatezza, tale da giustificarne il prezzo. Per ottenere un chilo di chicchi pronti al commercio l’elefante deve ingerire almeno 33 chili di bacche. Nello stomaco dell’enorme mammifero la bacca viene digerita, mentre il chicco resta intatto, e l’acidità ne trasforma il gusto amaro in un sapore dolce. L’imprenditore che gestisce questo business si chiama Blake Dinkin, e spiega che la casa di produzione vuole produrre circa 200 kg dei pregiatissimi chicchi nel 2014. Nel frattempo, le prime produzioni sono state vendute per 1.100 dollari al chilogrammo e, come detto, in alcuni resort di lusso una singola tazzina dell’esclusiva miscela costa fino a 50 dollari.

Segui anche:

caffè, elefanti, thailandia, cacca elefanti, caffè cacca elefanti, black ivory coffee, blake dinkin

-3
+ -
#
Utente onior11 onior11 oltre 4 anni fa

Purtroppo non ho molto tempo (come tanti di voi) da dedicare ai commenti e ora ritorno dopo un paio di giorni. Eccomi pronto (cara Maga) a "battere le mani" (sempre più convinto!) al preparato/ironico Travaglio riportandoti uno stralcio sul FQ di ieri che trovo assolutamente esplicativo in merito al pessimo e sempre ambiguo comportamento dei soliti politicanti di dx e (cosiddetta) sin:
"Era la politica di Andreotti e Craxi,i cui vedovi inconsolabili siedono ancora in Parlamento e nei giornalie fanno gli ipocriti. Elogiano Sigonella come eroica difesa della sovranità nazionale, mentre fu una sconcezza che sottrasse alla giustizia il terrorista assassino Abu Abbas. Si scordano la linea trattativista del Psi per Moro. E dimenticano gli sbaciucchiamenti di Andreotti e Berlusconi con Gheddafi. “Con i terroristi non si tratta”. E cos’ha fatto il governo B. pagando riscatti su riscatti ai tagliagole jihadisti che rapivano italiani? I nostri politici hanno sempre trattato. Anche con la camorra per Cirillo e De Martino jr. Anche con la mafia che uccideva Falcone e Borsellino e faceva stragi a Firenze, Milano e Roma. Verrebbe da domandare chi credono di prendere in giro, se non fosse che ci riescono benissimo."

+1
+ -
#
Utente onior11 onior11 oltre 4 anni fa

E, tanto per..non cambiare, ecco uno stralcio di quello di ieri:

"Ve li immaginate De Gasperi, Einaudi, Togliatti, Fanfani, Moro, Berlinguer, Almirante, La Malfa che s’infradiciano d’acqua gelida su richiesta di Fiorello? Poi uno si meraviglia se il presidente del maggior partito è Matteo Orfini, che non avrebbe sfigurato con Totò sul wagon- lit: “Onorevole lei, con quella faccia? Ma mi faccia il piacere!”. L’altro giorno Orfini, nel penoso tentativo di nascondere il patto Pd-Berlusconi sulla giustizia, non ha trovato di meglio che twittare (comunica solo così, come i ragazzini ipnotizzati all’iPhone): “I grillini rifiutano il confronto sulla riforma della giustizia…
coi terroristi bisogna interloquire, ma guai a farlo col governo…”. Solennissima ciocchezza, visto che Di Battista non s’è mai sognato di affermare che i 5Stelle debbano dialogare con l’Isis: semmai le diplomazie. Renzi, altro compulsivo dell’hashtag , ha subito ritwittato l’orfinata, salvo poi accorgersi che era troppo grossa persino per i suoi standard. Allora ha precisato che non era sua intenzione accusare la forza politica più votata in Italia nel 2013 di parlare solo coi terroristi. Ma Orfini ha ribadito il concetto a Repubblica , che proprio non sapeva come riempire una pagina: “I 5Stelle vogliono aprire il dialogo con i jihadisti dell’Is e poi rifiutano di parlare col governo del loro paese”. Non è ben chiaro che cosa c’entri un’analisi sul Medioriente con la presunta riforma della giustizia in Italia. Ma la domanda è oziosa:le parole, per Orfini, sono riempitivi ccidentali per dimostrare la propria esistenza in vita.
Alla tenera età di 40 anni, l’altro Matteo è già riuscito a essere dalemiano, bersaniano, giovane turco e renziano. Nell’aprile 2013 giurava: “Fra Marini e Rodotà scelgo Rodotà”. Poi votò Napolitano. Larghe intese con B.? Giammai: “Un governo Pd-Pdl e senza Grillo è impensabile, non esiste in natura. Al governo con Berlusconi ero e resto contrario”.
Poi votò il governo Letta, con B. e senza Grillo"

P.S. Giudicate un pò se sono….cazzate!

+1
+ -
#
Utente magacirce magacirce oltre 4 anni fa

Onior mi inviti a nozze, e chi te lo tocca il tuo Travaglio. Solo che e’ proprio un travaglio seguire tutto quello che dice, non potrebbe sintetizzare?

-1
+ -
#
Utente magacirce magacirce oltre 4 anni fa

Coco hai fatto colazione col caffe’ thailandese? E’ buono, lo consigli e, visto che una tazzina costa 50 dollari, ne puoi offrire una tu a ciascuno degli utenti di Funize?

Almeno ai presenti, visto che anche oggi i tuoi preferiti, FrancoPo e Granchio, latitano.

-1
+ -
#

Il tuo commento


Entra o Registrati per commentare.