Il Fatto Quotidiano del 12 Marzo 2015

Rss
Il Fatto Quotidiano

PDF
« Precedente
Seguente »
Quanto mi piace?
  • Currently 5,0/5 Hearts.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

La prima pagina del giorno di Il Fatto Quotidiano nel tuo blog:

37 commenti

Utente Granchio Granchio translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Ancora con la Costituzione? Sì,ma….l’*assoluzione?* Un rospo da ingoiare ,scritto piccolo piccolo…ahahhahahahahahhahahaahhhahahahaha

+0
+ -
#
Utente kitkat4.4.4 kitkat4.4.4 translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

https://triskel182.wordpress.com/2015/03/12/la-legge-sederino-marco-travaglio/

Travaglio sublime come sempre ,smonta una per una le minkiate dei giornaletti del pompetta oramai diventati giornalacci spara cazzate.

*Ci risiamo. La sentenza della Cassazione che conferma quella d’appello e assolve definitivamente B. nel processo Ruby dalle accuse di concussione e prostituzione minorile ha scatenato il solito diluvio di cazzate, riassumibili nei titoli degli house organ al seguito: “Il bunga-bunga era una bufala” (Il Giornale), “Silvio assolto, ora chi paga?” (Libero), “Un assurdo processo politico” (Il Foglio). Non si accontentano che il padrone l’abbia fatta franca grazie alla legge Severino, o Sederino visto che glielo restituisce bello lindo, roseo e levigato come il culetto di un bambino (la frode fiscale è già passata in cavalleria). Non accendono un cero a Santa Paola. Pretendono pure di farci passare tutti per fessi, forse perché cercano compagnia. Incredibilmente si associa al coro una persona solitamente seria come Michele Emiliano, ex pm, ex sindaco di Bari, ora leader Pd in Puglia e candidato a governatore, che invita addirittura la Boccassini a “scusarsi con B.”. Roba da matti.

1) Chi paga? Se la domanda riguarda i costi dell’indagine, quella della Procura di Milano sul gigantesco sistema prostitutivo nella villa di Arcore, accertato e confermato dalle condanne in primo grado e in appello per Mora, Minetti e Fede nel processo Ruby-bis, è costata meno di qualunque altra su fatti simili: 65 mila euro (di cui 26 mila per le intercettazioni, come scrive Luigi Ferrarella sul Corriere). Se invece la domanda riguarda il prezzo pagato da B. in termini di discredito (per lui e per l’Italia governata da lui) e di voti persi, chi è causa del suo mal pianga se stesso: se B. non si fosse riempito la casa di mignotte, di cui alcune minorenni, e se poi non avesse telefonato in Questura, abusando del suo potere, per far rilasciare Ruby nelle mani della Minetti e della “collega” Michelle Conceicao per evitare che parlasse, non sarebbe mai stato processato. 2) Assurdo processo politico? Uno dei due reati contestati, la prostituzione minorile, è frutto di due leggi fatte dalle sue ministre Prestigiacomo e Carfagna per inasprire le pene contro gli sporcaccioni che vanno con le ragazzine. I pm, scoperta la presenza di almeno una minorenne ad Arcore, erano obbligati ad applicarla. Idem per il reato di concussione. Il 27-5-2010, quando B. chiamò il capo di gabinetto della Questura di Milano, Piero Ostuni, l’articolo 317 del Codice penale puniva da 4 a 12 anni “il pubblico ufficiale… che, abusando della sua qualità o dei suoi poteri, costringe o induce taluno a dare o a promettere indebitamente, a lui o ad un terzo, denaro o altra utilità”.

ÈCi risiamo. La sentenza della Cassazione che conferma quella d’appello e assolve definitivamente B. nel processo Ruby dalle accuse di concussione e prostituzione minorile ha scatenato il solito diluvio di cazzate, riassumibili nei titoli degli house organ al seguito: “Il bunga-bunga era una bufala” (Il Giornale), “Silvio assolto, ora chi paga?” (Libero), “Un assurdo processo politico” (Il Foglio). Non si accontentano che il padrone l’abbia fatta franca grazie alla legge Severino, o Sederino visto che glielo restituisce bello lindo, roseo e levigato come il culetto di un bambino (la frode fiscale è già passata in cavalleria). Non accendono un cero a Santa Paola. Pretendono pure di farci passare tutti per fessi, forse perché cercano compagnia. Incredibilmente si associa al coro una persona solitamente seria come Michele Emiliano, ex pm, ex sindaco di Bari, ora leader Pd in Puglia e candidato a governatore, che invita addirittura la Boccassini a “scusarsi con B.”. Roba da matti.

1) Chi paga? Se la domanda riguarda i costi dell’indagine, quella della Procura di Milano sul gigantesco sistema prostitutivo nella villa di Arcore, accertato e confermato dalle condanne in primo grado e in appello per Mora, Minetti e Fede nel processo Ruby-bis, è costata meno di qualunque altra su fatti simili: 65 mila euro (di cui 26 mila per le intercettazioni, come scrive Luigi Ferrarella sul Corriere). Se invece la domanda riguarda il prezzo pagato da B. in termini di discredito (per lui e per l’Italia governata da lui) e di voti persi, chi è causa del suo mal pianga se stesso: se B. non si fosse riempito la casa di mignotte, di cui alcune minorenni, e se poi non avesse telefonato in Questura, abusando del suo potere, per far rilasciare Ruby nelle mani della Minetti e della “collega” Michelle Conceicao per evitare che parlasse, non sarebbe mai stato processato. 2) Assurdo processo politico? Uno dei due reati contestati, la prostituzione minorile, è frutto di due leggi fatte dalle sue ministre Prestigiacomo e Carfagna per inasprire le pene contro gli sporcaccioni che vanno con le ragazzine. I pm, scoperta la presenza di almeno una minorenne ad Arcore, erano obbligati ad applicarla. Idem per il reato di concussione. Il 27-5-2010, quando B. chiamò il capo di gabinetto della Questura di Milano, Piero Ostuni, l’articolo 317 del Codice penale puniva da 4 a 12 anni “il pubblico ufficiale… che, abusando della sua qualità o dei suoi poteri, costringe o induce taluno a dare o a promettere indebitamente, a lui o ad un terzo, denaro o altra utilità”.

È proprio quel che fece il premier B. Che, da pubblico ufficiale, costrinse o indusse Ostuni a dargli indebitamente l’utilità di rilasciare subito Ruby, fermata per furto, contro il parere del pm minorile e contro la prassi ordinaria, prima che parlasse dei festini di Arcore. Quindi quella telefonata era reato (concussione per costrizione o per induzione) quando fu fatta, quando la Procura aprì l’indagine, quando B. fu rinviato a giudizio e quando iniziò il processo. Poi, il 6 novembre 2012, il Parlamento di cui B. era il leader di maggioranza nel governo Monti approvò la legge Severino che spacchettava la concussione: quella per costrizione (violenza o minaccia) restava tale e quale; quella per induzione diventava un reato minore (induzione a dare o promettere denaro o altra utilità), con pene più basse e prescrizione più breve, ma soprattutto impossibile da dimostrare, perché richiede non solo un “indebito vantaggio” per l’induttore (l’ex concussore, cioè B.), ma anche per l’indotto (l’ex concusso, allora vittima e ora complice nel nuovo delitto, cioè Ostuni). Il vantaggio per B. è noto: se Ruby fosse rimasta in Questura quella notte, avrebbe potuto svelare ciò che i pm scoprirono qualche mese dopo. Il vantaggio per Ostuni è nullo: ha obbedito al premier per servilismo, piaggeria, quieto vivere. Quindi ciò che prima era reato, ora non lo è più. Il Tribunale aggirò l’ostacolo condannando B. per concussione per costrizione: per i primi giudici, la pressione esercitata dal premier su Ostuni era irresistibile. La Corte d’appello, confermati l’altroieri dalla Cassazione, ha invece considerato quelle telefonate resistibili, dunque rientranti nel nuovo reato di induzione. E qui hanno dovuto assolvere B.: perché, nonostante il pacifico “abuso della sua qualifica per scopi personali”, Ostuni non ricavò dal suo cedimento alcun vantaggio indebito. È sparito il reato, per legge: ma i fatti restano. 3) A Sallusti che titola “Il bunga-bunga era una bufala” ha già risposto l’avvocato Franco Coppi, difensore di B.: “Nemmeno noi contestiamo che ad Arcore avvenissero fatti di prostituzione compensati, anche per Ruby”. Quindi, di grazia, di che dovrebbe scusarsi la Boccassini? Di aver applicato la legge senza prevedere che gliel’avrebbero cambiata sotto il naso col voto determinante dell’imputato e dei suoi cari? O di aver sospettato che B. sapesse che Ruby era minorenne? Fermo restando che, in mancanza di prove schiaccianti, è anche legittimo pensare il contrario, resta insuperata e insuperabile una domanda: visto che l’istituto dell’affidamento è riservato ai minori, perché mai B. si scomodò dal vertice internazionale di Parigi a telefonare in Questura per far affidare Ruby alla Minetti, se pensava che Ruby fosse maggiorenne? Ciò detto, massima solidarietà ai servi di B., costretti a sostenere qualunque balla e a passare per fessi pur di conservare il posto e lo stipendio, finché dura. “Ognuno – diceva Totò – ha fa laccia che ha, ma qualche volta si esagera”. .proprio quel che fece il premier B. Che, da pubblico ufficiale, costrinse o indusse Ostuni a dargli indebitamente l’utilità di rilasciare subito Ruby, fermata per furto, contro il parere del pm minorile e contro la prassi ordinaria, prima che parlasse dei festini di Arcore. Quindi quella telefonata era reato (concussione per costrizione o per induzione) quando fu fatta, quando la Procura aprì l’indagine, quando B. fu rinviato a giudizio e quando iniziò il processo. Poi, il 6 novembre 2012, il Parlamento di cui B. era il leader di maggioranza nel governo Monti approvò la legge Severino che spacchettava la concussione: quella per costrizione (violenza o minaccia) restava tale e quale; quella per induzione diventava un reato minore (induzione a dare o promettere denaro o altra utilità), con pene più basse e prescrizione più breve, ma soprattutto impossibile da dimostrare, perché richiede non solo un “indebito vantaggio” per l’induttore (l’ex concussore, cioè B.), ma anche per l’indotto (l’ex concusso, allora vittima e ora complice nel nuovo delitto, cioè Ostuni). Il vantaggio per B. è noto: se Ruby fosse rimasta in Questura quella notte, avrebbe potuto svelare ciò che i pm scoprirono qualche mese dopo. Il vantaggio per Ostuni è nullo: ha obbedito al premier per servilismo, piaggeria, quieto vivere. Quindi ciò che prima era reato, ora non lo è più. Il Tribunale aggirò l’ostacolo condannando B. per concussione per costrizione: per i primi giudici, la pressione esercitata dal premier su Ostuni era irresistibile. La Corte d’appello, confermati l’altroieri dalla Cassazione, ha invece considerato quelle telefonate resistibili, dunque rientranti nel nuovo reato di induzione. E qui hanno dovuto assolvere B.: perché, nonostante il pacifico “abuso della sua qualifica per scopi personali”, Ostuni non ricavò dal suo cedimento alcun vantaggio indebito. È sparito il reato, per legge: ma i fatti restano. 3) A Sallusti che titola “Il bunga-bunga era una bufala” ha già risposto l’avvocato Franco Coppi, difensore di B.: “Nemmeno noi contestiamo che ad Arcore avvenissero fatti di prostituzione compensati, anche per Ruby”. Quindi, di grazia, di che dovrebbe scusarsi la Boccassini? Di aver applicato la legge senza prevedere che gliel’avrebbero cambiata sotto il naso col v oto determinante dell’imputato e dei suoi cari? O di aver sospettato che B. sapesse che Ruby era minorenne? Fermo restando che, in mancanza di prove schiaccianti, è anche legittimo pensare il contrario, resta insuperata e insuperabile una domanda: visto che l’istituto dell’affidamento è riservato ai minori, perché mai B. si scomodò dal vertice internazionale di Parigi a telefonare in Questura per far affidare Ruby alla Minetti, se pensava che Ruby fosse maggiorenne? Ciò detto, massima solidarietà ai servi di B., costretti a sostenere qualunque balla e a passare per fessi pur di conservare il posto e lo stipendio, finché dura. “Ognuno – diceva Totò – ha fa laccia che ha, ma qualche volta si esagera”.

+0
+ -
#
Utente Granchio Granchio translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Le pappardelle ammuffite….ahahhhahahahahaha…..

+0
+ -
#
Utente kitkat4.4.4 kitkat4.4.4 translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Questo passaggio e’ magnifico

Sparito il reato, per legge: ma i fatti restano. A Sallusti che titola “Il bunga-bunga era una bufala” ha già risposto l’avvocato Franco Coppi, difensore di B.: “Nemmeno noi contestiamo che ad Arcore avvenissero fatti di prostituzione compensati, anche per Ruby”. Quindi, di grazia, di che dovrebbe scusarsi la Boccassini? Di aver applicato la legge senza prevedere che gliel’avrebbero cambiata sotto il naso col v oto determinante dell’imputato e dei suoi cari? O di aver sospettato che B. sapesse che Ruby era minorenne? Fermo restando che, in mancanza di prove schiaccianti, è anche legittimo pensare il contrario, resta insuperata e insuperabile una domanda: visto che l’istituto dell’affidamento è riservato ai minori, perché mai B. si scomodò dal vertice internazionale di Parigi a telefonare in Questura per far affidare Ruby alla Minetti, se pensava che Ruby fosse maggiorenne? Ciò detto, massima solidarietà ai servi di B., costretti a sostenere qualunque balla e a passare per fessi pur di conservare il posto e lo stipendio, finché dura. “Ognuno – diceva Totò – ha fa laccia che ha, ma qualche volta si esagera”.

+0
+ -
#
Utente Granchio Granchio translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

I fatti restano. Quali fatti? Ahahahaahhhahahaha…….i penalisti FAI DA TE. Che risate.

+0
+ -
#
Utente SilvioPregiudicato SilvioPregiudicato translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

B. assolto, festa forzista a Palazzo Grazioli.
Feltri: "Con FI al lumicino, c’è poco da brindare"

Ahahahahahahhahaahhahahhhhhahhaahha

+0
+ -
#
Utente magacirce magacirce translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Travaglio si che se ne intende di giustizia e di processi. La Cassazione no.

KK sta sempre facendo dei copia-incolla. Ma vuole proprio scontentare la sua spalla Sergione!

SilvioPre sii bravo. Spiega tu a Feltri che la musica sta cambiando. Hai visto che il dollaro è ribassato notevolmente. Quindi il petrolio costerà di meno e si potrà aumentare il lumicino
del nostro FARO fino a farlo diventare una luce accecante. Quindi brindiamo. Ti unisci? Sei invitato.

+0
+ -
#
Utente SilvioPregiudicato SilvioPregiudicato translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Se mai è l’euro che è ribassato notevolmente, quindi il petrolio costa di più, perchè lo compriamo in dollari. E il lumicino del tuo faro si spegnerà.
Ahahahhahahhahaah

+0
+ -
#
Utente wolf wolf translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Scusate, ma io non ho ancora
capito: alla fine
chi è lo zio di Ruby?
»www.forum.spinoza.it

possiamo chiedere a questi signori (sic.)…………..

Gruppo Popolo della Libertà
Fabrizio Cicchitto, Massimo Enrico Corsaro, Sabatino Aracu, Simone Baldelli, Maurizio Bernardo, Isabella Bertolini, Maurizio Bianconi, Salvatore Cicu, Domenico Di Virgilio, Pietro Laffranco, Osvaldo Napoli, Barbara Saltamartini, Jole Santelli, Gioacchino Alfano, Sabatino Aracu, Maria Teresa Armosino, Filippo Ascierto, Mario Baccini, Lucio Barani, Emerenzio Barbieri, Michaela Biancofiore, Mariella Bocciardo, Giuseppe Calderisi, Remiglio Ceroni, Luigi Cesaro, Gianfranco Conte, Nunzia De Girolamo Nunzia, Giovanni Dima, Renato Farina, Fabio Garagnani, Giorgio Holzmann, Amedeo Laboccetta, Pietro Laffranco, Luigi Lazzari, Beatrice Lorenzin, Giuseppe Francesco Maria Marinello, Marco Marsilio, Bruno Murgia, Antonio Palmieri, Massimo Parisi, Enrico Pianetta, Mauro Pili, Giuseppe Romele, Gianfranco Sammarco, Giuseppe Scalera, Michele Scandroglio, Luigi Vitali. Altri membri: Gian Carlo Abelli, Ignazio Abrignani, Angelino Alfano, Antonio Angelucci, Roberto Antonione, Valentina Aprea, Francesco Aracri, Vincenzo Barba, Viviana Beccalossi, Luca Bellotti, Amato Berardi, Deborah Bergamini, Anna Maria Bernini Bovicelli, Massimo Maria Berruti, Sandro Biasotti, Francesco Biava, Paolo Bonaiuti, Margherita Boniver, Marco Botta, Michela Vittoria Brambilla, Aldo Brancher, Renato Brunetta, Donato Bruno, Annagrazia Calabria, Maria Rosaria Carfagna, Gabriella Carlucci, Luigi Casero, Roberto Cassinelli, Carla Castellani, Giuseppina Castiello, Francesco Catanoso Genoese detto Basilio Catanoso, Giuliano Cazzola, Fiorella Ceccacci Rubino, Elena Centemero, Carlo Ciccioli, Edmondo Cirielli, Francesco Colucci, Manlio Contento, Nicola Cosentino, Giulia Cosenza, Giuseppe Cossiga, Enrico Costa, Stefania Gabriella Anastasia Craxi, Rocco Crimi, Nicolo Cristaldi, Guido Crosetto, Marcello De Angelis, Sabrina De Camillis, Riccardo De Corato, Francesco De Luca, Melania De Nichilo Rizzoli, Maurizio Del Tenno, Giovanni Dell’Elce, Simeone Di Cagno Abbrescia, Marcello Di Caterina, Manuela Di Centa, Ida D’Ippolito Vitale, Antonio Distaso, Monica Faenzi, Giuseppe Fallica, Raffaele Fitto, Gregorio Fontana, Vincenzo Antonio Fontana, Nicola Formichella, Tommaso Foti, Antonino Foti, Pietro Franzoso, Paola Frassinetti, Franco Frattini, Benedetto Francesco Fucci, Giuseppe Galati, Vincenzo Garofalo, Fabio Gava, Mariastella Gelmini, Antonino Salvatore Germanà, Niccolò Ghedini, Agostino Ghiglia, Sestino Giacomoni, Gabriella Giammanco, Vincenzo Gibiino, Alberto Giorgetti, Rocco Girlanda, Francesco Maria Giro, Lella Golfo, Isidoro Gottardo, Ugo Maria Gianfranco Grimaldi, Antonello Iannarilli, Maurizio Iapicca, Giorgio Jannone, Enrico La Loggia, Ignazio La Russa, Giorgio Lainati, Mario Landolfi, Maurizio Leo, Antonio Leone, Ugo Lisi, Pietro Lunardi, Maurizio Lupi, Gennaro Malgieri, Gianni Mancuso, Barbara Mannucci, Alfredo Mantovano, Giulio Marini, Marco Martinelli, Antonio Martino, Antonio Mazzocchi, Riccardo Mazzoni, Giancarlo Mazzuca, Giorgia Meloni, Gianfranco Miccichè, Riccardo Migliori, Lorena Milanato, Marco Mario Milanese, Antonino Minardo, Eugenio Minasso, Giustina Mistrello Destro, Dore Misuraca, Giuseppe Moles, Alessandra Mussolini, Gaetano Nastri, Massimo Nicolucci, Fiamma Nirenstein, Settimo Nizzi, Alessandro Pagano, Maurizio Paniz, Alfonso Papa, Adriano Paroli, Gaetano Pecorella, Paola Pelino, Antonio Pepe, Mario Pescante, Giovanna Petrenga, Guglielmo Picchi, Vincenzo Piso, Giancarlo Pittelli, Sergio Pizzolante, Carmelo Porcu, Stefania Prestigiacomo, Marco Pugliese, Fabio Rampelli, Laura Ravetto, Manuel Repetti, Eugenia Roccella, Paolo Romani, Luciano Rossi, Mariarosaria Rossi, Roberto Rosso, Gianfranco Rotondi, Paolo Russo, Stefano Saglia, Elvira Savino, Souad Sbai, Claudio Scajola, Umberto Scapagnini, Maurizio Scelli, Giorgio Simeoni, Francesco Paolo Sisto, Roberto Speciale, Francesco Stagno D’Alcontres, Lucio Stanca, Giorgio Clelio Stracquadanio, Franco Stradella, Giacomo Terranova, Piero Testoni, Gabriele Toccafondi, Salvatore Torrisi, Roberto Tortoli, Michele Traversa, Giulio Tremonti, Mario Valducci, Valentino Valentini, Paolo Vella, Cosimo Ventucci, Denis Verdini, Santo Domenico Versace, Pasquale Vessa, Raffaello Vignali, Elio Vito, Marco Zacchera.

Gruppo Lega Nord
Marco Giovanni Reguzzoni, Luciano Dussin, Lussana Carolina Montagnoli Alessandro, Fogliato Sebastiano, D’amico Claudio, Angelo Alessandri, Stefano Allasia, Massimo Bitonci, Guido Bonino, Umberto Bossi, Matteo Bragantini, Gianluca Buonanno, Corrado Callegari, Davide Caparini, Davide Cavallotto, Giacomo Chiappori, Silvana Andreina Comaroli, Nunziante Consiglio, Jonny Crosio, Manuela Dal Lago, Marco Desiderati, Gian Carlo Di Vizia, Gianpaolo Dozzo, Guido Dussin, Giovanni Fava, Massimiliano Fedriga, Fulvio Follegot, Gianluca Forcolin, Maurizio Fugatti, Franco Gidoni, Giancarlo Giorgetti, Paola Goisis, Paolo Grimoldi, Eraldo Isidori, Manuela Lanzarin, Marco Maggioni, Francesca Martini, Daniele Molgora, Laura Molteni, Nicola Molteni, Emanuela Munerato, Giovanna Negro, Luca Rodolfo Paolini, Maria Piera Pastore, Gianluca Pini, Ettore Pirovano, Massimo Polledri, Fabio Rainieri, Erica Rivolta, Marco Rondini, Roberto Simonetti, Stefano Stefani, Giacomo Stucchi, Renato Walter Togni, Alberto Torazzi, Pierguido Vanalli, Raffaele Volpi.

Gruppo Iniziativa Responsabile
Luciano Mario Sardelli, Giuseppe Ruvolo, Domenico Scilipoti, Maria Grazia Siliquini, Gerardo Soglia, Maria Elena Stasi, Vincenzo D’anna, Maurizio Grassano, Francesco Pionati, Elio Vittorio Belcastro, Massimo Calearo Ciman, Giampiero Catone, Bruno Cesario, Pippo Gianni, Paolo Guzzanti, Arturo Iannaccone, Giancarlo Lehner, Antonio Milo, Silvano Moffa, Giovanni Carlo Francesco Mottola, Carlo Nola, Andrea Orsini, Mario (Ir) Pepe, Michele Pisacane, Catia Polidori, Americo Porfidia, Antonio Razzi, Francesco Saverio Romano, Vincenzo Taddei, Liberal democratici (Gruppo Misto) Daniela Melchiorre, Italo Tanoni. (Gruppo Misto) Aurelio Salvatore Misiti.

http://www.unita.it/italia/ecco-i-314-deputati-che-credono-alla-balla-su-ruby-1.281150

+0
+ -
#
Utente magacirce magacirce translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

SilvioPre … e in verità hai proprio ragione sul cambio euro/dollaro. Mea culpa …

Debbo cercare un’alternativa per il lumicino, e poi ti re-invito!

+0
+ -
#
Utente magacirce magacirce translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Scusa wolf ma tutta quel gente l’hanno già detto: Mubarak è lo zo di Ruby.

Perchè lo vorresti mettere in dubbio?

+0
+ -
#
Utente kitkat4.4.4 kitkat4.4.4 translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Se lo dice lui bisogna credergli in questo caso.
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/03/12/berlusconi-assolto-vittorio-feltri-ce-festeggiare-partito-ormai-lumicino/1498190/

+0
+ -
#
Utente kitkat4.4.4 kitkat4.4.4 translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

L’editorialista del "Giornale": "Dentro Forza Italia sperano che così il loro leader dedichi più tempo a Forza Italia in modo da rimettere insieme i cocci. Ma è come il salamino: a furia di tagliare se ne sono andati Casini, Fini, Alfano, Meloni e ora forse Fitto. A Silvio è rimasto solo il culetto."

+0
+ -
#
Utente kitkat4.4.4 kitkat4.4.4 translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

e se lo dice Coppi ahahaha http://www.serviziopubblico.it/2015/03/e-avvocato-coppi-smenti-berlusconi-ad-arcore-cene-e-prostituzione/

Ma lo sanno tutti cosa succedeva , a livello penale l’ha fatta franca a livello morale ha infangato e fatto deridere un intero paese.

Avvocato Coppi smentì Berlusconi:
“Ad Arcore cene e prostituzione”

Nell’ottobre 2012 Silvio Berlusconi parla in aula al processo Ruby: “Non ho mai pagato per fare sesso in vita mia, nessuna delle mie ospiti faceva la escort”. Ma nella sua arringa davanti alla Corte di Cassazione l’avvocato Coppi ammette che nella villa di Berlusconi le ragazze del Bunga bunga si prostituivano.

+0
+ -
#
Utente Granchio Granchio translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Già ,chi era lo zio di Ruby? Boh. Ma a noi che ce frega? Contano i fatti, non le pugnette. Quelle le lasciamo ai falliti rossi. Che risate. Olè.

+0
+ -
#
Utente Granchio Granchio translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

NON si capacitanoo….ahahhahhahahaahahahah……

+0
+ -
#
Utente Granchio Granchio translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

….e se lo dice Coppi? E se lo dice Bartali….e se lo dice Tizio, e se lo dice mio nonno in carrozza? Una parolina dolce per il fallito KIT :assoluzione. Posso? Ahahahahahahhah…….rassegnati.Che pirlaaaa…….

+0
+ -
#
Utente Granchio Granchio translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

E se lo dice Michele Emiliano? Che risate. http://www.iltempo.it/politica/2015/03/11/ruby-emiliano-pd-con-berlusconi-i-giudici-di-milano-dovrebbero-chiedergli-scusa-1.1389237

+0
+ -
#
Utente kitkat4.4.4 kitkat4.4.4 translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

pure la Cei si scaglia contro il puttaniere ahahahaha.
Moralmente il pompetta non vale nulla, un uomo che ha sempre usato mezzi illeciti per andare avanti ,eppure ha una fetta di italiani piace il corruttore-frodatore pappne altrimenti tutta questa evasione chi la compie? Non certo chi ha la busta paga e prende tra i 1000 e 1500€ al mese.
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/03/12/berlusconi-assolto-cei-legge-discorso-morale/1498742/

+0
+ -
#
Utente Granchio Granchio translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Da quando in qua KIT KAT ascolta la CEI? Posso? Ahahahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh

+0
+ -
#
Utente kitkat4.4.4 kitkat4.4.4 translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Era ora !!http://www.ilsussidiario.net/mobile/Economia-e-Finanza/2015/3/11/Opa-Ei-Tower-RaiWay-Antitrust-apre-istruttoria/590096/

+0
+ -
#
Utente kitkat4.4.4 kitkat4.4.4 translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Che pirla !!!
http://tv.ilfattoquotidiano.it/2015/03/11/rai-verro-indicavo-a-b-programmi-antigovernativi-era-difesa-del-pluralismo/348130/

+0
+ -
#
Utente kitkat4.4.4 kitkat4.4.4 translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Eppure esistono persone cosi’ e aggiungo Italiane
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/03/11/napoli-abusi-sessuali-figlio-undicenne-poi-offre-pedofili-web/1496864/

+0
+ -
#
Utente Coco Coco translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

….e se lo dice Gracchio detto er fogna
una sola parolina passato in giudicato come pregidicatoooooooooo

+2
+ -
#
Utente kitkat4.4.4 kitkat4.4.4 translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

il loro faro ahahahahhahaha

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/03/12/berlusconi-assolto-questa-sentenza-non-fermera-suo-declino-politico/1499139/

+0
+ -
#
Utente kitkat4.4.4 kitkat4.4.4 translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

@Wolf
davvero aahahahahah nessuno l’avrebbe mai detto

+0
+ -
#
Utente wolf wolf translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

no, è perché qualcuno fa finta di dimenticarsi e cita la cassazione "cum est commodum"

+0
+ -
#
Utente kitkat4.4.4 kitkat4.4.4 translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

@Wolf
Sono i classici de*STRONZI* ovvero persone squallide che non s’informano su nulla e anzi piu’ sei un pregiudicato piu’ sei il loro idolo. Ma come si e’ potuto notare se vengono ignorati ci patiscono , se non provocano che cosa possono fare ? Discutere in maniera civile non sono capaci , intelligenti non lo sono , acuti (non lo sono) ma che campano a fare ????

+0
+ -
#
Utente Granchio Granchio translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Sono i classici sini-STRONZI,ovvero persone squallide che non hanno una vita propria. Astiosi all’ennesima potenza,vivono di invidia e livore. Remano contro la Nazione,tifano per i delinquenti, quelli veri, gli zingari e i clandestini, detestando le forze dell’ordine. Scarti di centri sociali. Civili non lo sono mai stati,intelligenti giammai,l’acutezza non sanno nemmeno cosa sia. Insomma ,in parole povere ,che campano a fare? Olè.(che risate).

-4
+ -
#
Utente kitkat4.4.4 kitkat4.4.4 translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Poi ci sono gli imbecilli che ripetono le cose e stanno *appollaiati*ad aspettare i commenti degli altri , motivo? Non hanno un ca**o da dare nella vita e neanche un proprio pensiero ahahahaha . Insomma dei veri sfigati.

+0
+ -
#
Utente Granchio Granchio translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Hihihihiihiii…immagina. Puoi

-4
+ -
#
Utente kitkat4.4.4 kitkat4.4.4 translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

chi lo sa , penso che l’elettorato sia quello .
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/03/12/sondaggi-scontro-lega-meta-ignora-consenso-potrebbe-essere-massimo/1500026/

+0
+ -
#
Utente kitkat4.4.4 kitkat4.4.4 translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

un povero imbecille non ha fatto altro che nominarmi oggi oltre a non avere una vita e pure ossessionato da me ahaaha

+5
+ -
#
Utente JonnyDio JonnyDio translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Lasciando perdere la venerazione per noti frodatori fiscali nonchè conclamati puttanieri (ognuno ha il diritto di scegliersi e sbandierare gli idoli che maggiormente gli si confacciano), a me risulta, ma forse mi ricordo male, che, fino a una ventina abbondante di anni fa, l’Italia era un paese decisamente più ricco, avanzato e, in generale, più prospero, e anche di gran lunga, rispetto ad ora.
Dato che la gente che ci vive è più o meno la stessa, con gli stessi bisogni, la stessa voglia di fare e di vivere di allora, ecco una domandina facile facile, alla quale anche un imbecille, un idiota, un paramecio, un pappagallo mononeuronale, uno che è nato scemo ma morirà cretino, chiunque insomma, potrebbe rispondere: chi si è fregato il nostro benessere in tutti questi anni? Chi sono, cioè, i "delinquenti veri" che hanno impoverito l’Italia fino a farne la landa desolata e senza prospettive in cui mi sembra di vivere? Gli zingari e i clandestini? Oramai saranno miliardari, no?
A meno che non esista un’altra razza di parassiti, che vive a completo carico della comunità senza fare nulla per essa, e che nel frattempo sia diventata talmente ricca e protetta da meritarsi l’appellativo di "casta", ma no, cosa vado a pensare mai, non esistono, sono come i marziani, un’invenzione letteraria, no, devono proprio essere gli zingari e i clandestini la causa di tutti i problemi dell’Italia, anche nelle regioni dove sono quasi inesistenti. Infatti in Germania, paese che dicono vada alla grande, gli zingari e i clandestini non esistono, ho sentito dire che ci ha già pensato un certo baffetto a gasarli tutti. Oppure no?
Pensaci tu, Krabbe, Mein Führer!

+2
+ -
#
Utente Argonauta Argonauta translation missing: it.datetime.distance_in_words.almost_x_years fa

Santoro e Travaglio, dopo aver sputtanato l’Italia nel mondo intero con le loro esibizioni da circo equestre (di asini al posto dei cavalli), ora esultano perché una sentenza, per quanto a loro sgradita, gli ha concesso di resuscitare dal torpore in cui erano precipitati anche a livello di ascolti in mancanza del Grande Inquisito. Devono far presto, però, perché la cuccagna sta per finire e a loro non resterà altro che cazzeggiare a vuoto sui cagasotto della minoranza Pd e sui nei di Renzi.

+0
+ -
#

Il tuo commento


Entra o Registrati per commentare.